Newsletter Gennaio 2024 – Notizie dalla cantina

Newsletter Gennaio 2024 – Notizie dalla cantina

Ma come si preannunciano i vini dell’annata 2023?

In cantina, fin dalle prime settimane successive alla vendemmia, abbiamo potuto constatare la pulizia e la finezza degli aromi sprigionati dai nuovi vini. Il quadro acido di tutte le referenze è ottimo, e allo stesso tempo sono vini a cui non mancano struttura, ricchezza e carattere.

Siamo di fronte a espressioni eccellenti, contraddistinte da ottimi colori, complessità, buona armonia e dal grande potenziale evolutivo.

In conclusione, anche se è ancora troppo presto per sbilanciarsi, sulla base della nostra esperienza, possiamo affermare che ci sono tutti i presupposti per lo sviluppo di qualcosa di importante.

Sul fronte delle novità, manca davvero poco all’uscita dei Barolo figli dell’annata 2020 – Barolo Cascina Nuova e Barolo Ravera – del Barolo Ravera Bricco Pernice 2019 e della Riserva 2018 – Barolo Ravera Riserva Vigna Elena.

Il fattore chiave della stagione 2020 è stato l’andamento climatico ottimale, che ha permesso alle uve di svilupparsi in modo graduale e costante e di raggiungere una maturazione davvero perfetta. La conseguenza diretta di una stagione eccellente è stata la produzione di Barolo particolarmente espressivi e complessi, dotati di trama tannica fine e già ben integrata.

Il Barolo Cascina Nuova 2020, nonostante venga prodotto a partire dalle viti più giovani della MGA Ravera, riesce a coniugare magistralmente complessità e piacevolezza di beva, grazie a sentori eleganti e a un sorso pieno di energia e freschezza.

Il Barolo Ravera 2020 – definito dal critico Luca Gardini come “il Barolo Ravera migliore di sempre” – è salino, minerale, balsamico. Ciò che ci colpisce maggiormente di questo vino è la trama tannica che, pur essendo presente e tipica, è già perfettamente integrata ed estremamente setosa. Lunghezza e profondità lasciano presagire la qualità dell’annata, secondo noi, una delle migliori degli ultimi 20 anni.

In merito alla 2019, molte parole sono state spese lo scorso anno che hanno permesso di mettere a fuoco il carattere di questa eccellente annata. Riassumendo, il 2019 ha favorito la produzione di Barolo di buona struttura, tendenzialmente robusti, ma resi armonici grazie alla presenza di grande finezza e acidità. Non fa eccezione il Barolo Ravera Bricco Pernice 2019, che oltre a esprimere appieno queste caratteristiche gustative, è dotato di un quadro aromatico stratificato, in cui emerge in modo preponderante un’elegante nota floreale. Con questo vino ci siamo spinti verso uno stile ancora più unico e personale.

E poi, in conclusione, il Barolo Ravera Riserva Vigna Elena 2018. Come di consueto, questo vino ci regala un climax ascendente di aromi e profumi: dalla fragola matura al petalo di rosa, per poi passare dall’incenso alla liquirizia e alle note di erbe officinali. Un’espressione nobile e complessa, che non manca di equilibrio e vitalità del sorso.

 

 

 

 

 

← Torna all'Archivio